Medicina dello sport

                                  Cardiologia  COCIS 2009

HOME

ABOUT US

SITE MAP

CONTACT US

MEDICINA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ASINARA FOTOGRAFIA SAN GAVINO

Protocolli cardiologici per il giudizio di idoneità allo sport agonistico COCIS 2009

Lo screening cardiologico dell’atleta

LO SCREENING CARDIOLOGICO DELL’ATLETA

È universalmente riconosciuto il valore di una raccolta anamnestica e di un esame obiettivo accurati, attenti e dettagliati come base nello screening dell’atleta. Pur essendo da sola inadeguata, la storia clinica (anamnesi familiare e personale) aiuta e orienta i successivi passaggi della valutazione: esame obiettivo ed ECG. Nella raccolta dell’anamnesi dovranno essere attentamente ricercati e valutati tutti quei fattori in grado di condizionare il rischio cardiovascolare legato all’esercizio fisico. Un’anamnesi familiare con morti improvvise inspiegate o morti improvvise prima dei 50 anni connesse a problemi cardiaci, morti cardiache nell’infanzia, annegamenti/pre-annegamenti o incidenti automobilistici inspiegati, possono indicare la presenza di disordini cardiovascolari genetici. Segni e sintomi di allarme (dolore toracico da sforzo, sincope o pre-sincope da sforzo e/o ripetute, palpitazioni o battiti irregolari per periodo prolungato, dispnea eccessiva o fatica sproporzionate rispetto al livello di esercizio, crisi convulsive inspiegate) riferiti dal candidato, dai suoi familiari o da entrambi devono indurre ad approfondimenti diagnostici (vedi la trattazione di sincope e cardiopalmo nel capitolo sulle Aritmie). Infine, conoscere l’impegno agonistico dell’attività praticata (tipo, intensità, durata degli allenamenti e delle competizioni), permette di correlarlo con i successivi riscontri obiettivi ed elettrocardiografici. La raccolta anamnestica può essere effettuata direttamente basandosi su una “check-list” come quella indicata nella Tabella 1. Si ricorda che i familiari di primo grado comprendono: genitori, nonni, zii diretti, fratelli/sorelle. Con il termine “esercizio” si intende qualsiasi sforzo fisico. Infine, dovrà essere sottolineata l’importanza di informare il medico certificatore in caso di comparsa di sintomi o malattie intercorrenti dopo il rilascio dell’idoneità. Per l’esame obiettivo si considera fondamentale rilevare:

– Soffi cardiaci‡;

– Polsi femorali, per escludere la coartazione aortica;

– Stigmate fisiche della Sindrome di Marfan;

– Pressione arteriosa dell’arteria brachiale (in posizione seduta)§.

‡ L’ascoltazione deve essere effettuata sia in posizione supina sia in ortostatismo (o con manovra di Valsalva), in particolare per identificare soffi da ostruzione del tratto di efflusso del ventricolo sinistro.

§ Preferibilmente in entrambi gli arti.

Tab. 1 – Check-list Anamnestica

A. Storia familiare

Domande : hai un qualsiasi membro della famiglia o parente 

  •  morto per problemi cardiaci o che ha avuto una morte improvvisa inaspettata o inspiegabile prima dell’età di 50 anni (compreso infarto miocardico prematuro, annegamento, incidente d’auto inspiegato, o sindrome della morte improvvisa infantile)?    Risposte  SI / NO

Domande : hai un qualsiasi membro della famiglia o parente con

  • inspiegabili svenimenti, crisi convulsive, incidenti  d’auto inspiegato, pre-annegamento?  SI / NO

  •  qualche problema cardiaco invalidante, pacemaker o  defibrillatore impiantati, trapianto cardiaco, chirurgia cardiaca, o trattato per battito cardiaco irregolare (aritmie)?  SI / NO

  • cardiomiopatia ipertrofica, cardiomiopatia dilatativa, sindrome di Marfan, cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro, sindrome del QT lungo, sindrome del QT corto, sindrome di Brugada, tachicardia ventricolare polimorfa catecolaminergica, cardiopatia ischemica <55 anni se maschi, <65 se femmine?  SI / NO

  •  diabete, tumori, ipertensione arteriosa (pressione alta), asma e malattie allergiche, malattie respiratorie, malattie neurologiche, malattie del sangue?  SI / NO

 

B. Storia personale

Hai mai avuto perdita dei sensi (svenimento   sincope)  o quasi-perdita dei  sensi   (quasi sveni mento-sincope )? (durante esercizio-sforzo fisico SI/NO , dopo esercizio-sforzo fisico SI/NO ,  non correlato all’esercizio-sforzo fisico SI/NO )

Hai mai avuto malessere, dolore al torace,   pressione o costrizione toracica?  (durante esercizio-sforzo fisico SI/NO , dopo esercizio-sforzo fisico SI/NO ,  non correlato all’esercizio-sforzo fisico SI/NO )

Hai mai avuto capogiri, vertigini  ?(durante esercizio-sforzo fisico SI/NO , dopo esercizio-sforzo fisico SI/NO ,  non correlato all’esercizio-sforzo fisico SI/NO )

i mai avuto fiato corto (affanno) o fatica eccessiva , più di quello che ti aspettavi o  superiore ai tuoi compagni ? Hai mai avuto problemi respiratori (difficoltà  di respiro, costrizione toracica,o fischi, tosse)?  (durante esercizio-sforzo fisico SI/NO , dopo esercizio-sforzo fisico SI/NO ,  non correlato all’esercizio-sforzo fisico SI/NO )

Hai mai avuto un battito cardiaco troppo accellerato   (palpitazioni, cardio palmo   ) o che salti qualche battito (battiti irregolari-extrasistoli)?

Un medico ti ha mai detto che hai qualsiasi problema cardiaco, pressione arteriosa alta, colesterolo alto, un soffio al cuore, una aritmia cardiaca, una infezione al cuore nell’ultimo mese (ad esempio miocardite, mononucleosi), una crisi convulsiva inspiegata, febbre reumatica?  SI / NO

Un medico ti ha mai detto che hai asma, crisi convulsive, epilessia, problemi di salute che impediscono lo sport, diabete, obesità, malattie ortopediche, malattie neurologiche, malattie respiratorie?  SI / NO

 

Domande

Un medico ti ha mai ordinato un test per il cuore, per esempio ECG, Holter o ECO? SI / NO

Hai qualche allergia (per esempio pollini, polvere, medicine, cibi, punture d’insetto)? SI / NO

Hai mai avuto arrossamenti, orticaria o eruzioni cutanee durante o dopo esercizio-sforzo fisico? SI / NO

Attualmente stai facendo qualche cura, usando farmaci (qualsiasi tipo) su prescrizione medica o “da banco” (senza ricetta) o pillole o inalatori? SI / NO

Negli ultimi 2 anni hai preso farmaci in maniera costante? SI / NO

C. Storia sportiva

tipo di sport

     
ruolo specialità      
dall’età in anni      
all’età  in anni      
durata  allenamento in minuti      
n° allenamenti alla settimana      
competizioni alla settimana      

D. Altre notizie

professione  
esposizione a rischi  
da anni  

Fumo

SI  

NO
sigarette al giorno  
da anni  
età inizio  
età fine  

 Alcool

 SI  

NO
quantità al giorno  
da anni  
età inizio  
età fine  

Stupefacenti

NO SI  

 

modalità

 
da anni  
età inizio  
età fine  

 

RACCOMANDAZIONI PER LA INTERPRETAZIONE ECG NELLO SCREENING CARDIOLOGICO DELL’ATLETA

Le alterazioni elettrocardiografiche (ECG) che si possono riscontrare nell’atleta di medio- elevato livello agonistico sono suddivisibili in due grandi categorie:

comuni e correlate all’allenamento(Tabella 2: gruppo 1) e

non comuni/rare e non-correlate all’allenamento

 Tab. 2 – Classificazione delle anomalie elettrocardiografiche dell’atleta

COMUNI  (Gruppo 1)

 NON COMUNI  (Gruppo 2)

• Bradicardia sinusale;

• BAV I grado;

• BBDx incompleto;

• Ripolarizzazione precoce;

• Alti voltaggi del QRS isolati.

 • Inversione dell’onda T;

• Sottoslivellamento ST;

• Onde Q patologiche;

 • Ipertrofia atriale sinistra;

 • Deviazione assiale sinistra/emiblocco anteriore sinistro;

• Deviazione assiale destra/emiblocco posteriore sinistro;

• Ipertrofia ventricolare destra;

• WPW;

• BBDx o BBSn completo;

• QT lungo o corto;

• Ripolarizzazione precoce tipo Brugada;

• Battiti prematuri sopraventricolari e ventricolari;

• BAV II grado o avanzato.

 

 ( Tabella 2: gruppo 2). Gli atleti allenati, particolarmente quelli dediti ad attività sportive con impegno cardiocircolatorio medio-elevato del Gruppo D, mostrano frequentemente (fino all’80% dei casi) alterazioni ECG quali bradicardia sinusale, blocco atrio-ventricolare (BAV) di primo grado e ripolarizzazione precoce, che riflettono l’adattamento all’esercizio fisico del sistema nervoso autonomo cardiaco (incremento del tono parasimpatico e/o diminuzione del tono simpatico). Inoltre, l’ECG dell’atleta allenato mostra spesso aumento dei voltaggi del QRS e blocco di branca destro incompleto quale espressione della ipertrofia/ dilatazione ventricolare fisiologica conseguente all’adattamento cardiaco all’esercizio fisico. Queste alterazioni ECG vanno distinte da quelle “non comuni o rare” nell’atleta (prevalenza <5%), perché non correlate all’allenamento fisico, quali le modificazioni del tratto ST e dell’onda T, le onde Q patologiche, i difetti di conduzione  ntraventricolare, la pre-eccitazione ventricolare, l’intervallo QT lungo o corto e le alterazioni della ripolarizzazione ventricolare “simil-Brugada”, che possono essere il segno di una patologia cardiovascolare, come una cardiomiopatia o una malattia dei canali ionici, che espone l’atleta al rischio di morte improvvisa durante sport.

 Questa classificazione delle alterazioni ECG presenta importanti implicazioni per la diagnosi clinica di malattia cardiovascolare e la stratificazione del rischio di morte improvvisa nell’atleta. Le  modificazioni ECG comuni dovute all’allenamento fisico (Gruppo 1) non dovrebbero destare allarme, né comportare ulteriori accertamenti al fine della concessione dell’idoneità allo sport agonistico. Al contrario, un approfondimento diagnostico di secondo livello si rende necessario per gli atleti che presentano alterazioni ECG “non comuni e non correlate all’esercizio fisico”, che potrebbero indicare la presenza di una malattia cardiaca a rischio di morte improvvisa (Gruppo 2). La distinzione tra anomalie ECG fisiologiche e patologiche permette di migliorare l’accuratezza diagnostica ed il rapporto costo-beneficio dello screening ECG dell’atleta.

 

MODIFICAZIONI ECG COMUNI E CORRELATE

ALL’ESERCIZIO (GRUPPO 1)

Le alterazioni ECG correlate all’esercizio fisico devono essere interpretate in relazione al sesso, razza, grado di allenamento e tipo di sport praticato dall’atleta. Anomalie dell’ECG si presentano con maggiore prevalenza negli atleti di sesso maschile, di razza nera e, come detto, in coloro che praticano sports di “endurance” ad alto livello. In questi atleti, giocano un ruolo importante fattori genetici ed etnici che condizionano un rimodellamento cardiovascolare più pronunciato, sia strutturale che neuro-autonomico, in risposta all’allenamento fisico e all’attività agonistica. Il livello e la durata dell’allenamento, la capacità aerobica ed il tipo di attività sportiva sono altresì importanti. Inoltre, queste alterazioni ECG devono essere interpretate alla luce di storia familiare e personale ed esame obiettivo dell’atleta. In presenza di storia familiare positiva, sintomi o reperti obiettivi abnormi, anche alterazioni ECG altrimenti considerate fisiologiche, possono diventare clinicamente rilevanti e richiedere ulteriori accertamenti (vedi capitolo sulle aritmie, al quale si rimanda anche per la trattazione specifica delle aritmie qui non trattate, tipo bradicardia sinusale, blocchi atrioventricolari, ecc.).

Aumento isolato dei voltaggi del QRS

L’allenamento intenso comporta modificazioni strutturali cardiache, come l’aumento delle dimensioni cavitarie, degli spessori parietali e della massa ventricolare, che si riflettono sull’ECG. L’ipertrofia ventricolare sinistra fisiologica dell’atleta si traduce in aumento isolato dei voltaggi del QRS, con asse del QRS normale, normale pattern di attivazione atriale e ventricolare, e normale  ipolarizzazione ventricolare (segmento ST ed onda T normali). L’ ipertrofia fisiologica dell’atleta caratteristicamente soddisfa i criteri di Sokolow-Lyon di aumento isolato del voltaggio del QRS (onda S in V1 + onda R in V5 > 35 mm). Non si riscontrano, invece, altri criteri di ipertrofia ventricolare sinistra (non-di-voltaggio) quali l’ingrandimento atriale sinistro, la deviazione assiale sinistra, il sottoslivellamento del tratto ST, l’inversione delle onde T e il ritardo della deflessione intrinsecoide. Tali anomalie devono porre il sospetto di una ipertrofia ventricolare sinistra patologica, ad esempio da cardiomiopatia ipertrofica, valvulopatia aortica o cardiopatia ipertensiva. Raccomandazione: la documentazione di aumento isolato dei voltaggi del QRS all’ECG di un atleta ben allenato non richiede di regola un approfondimento diagnostico con studio ecocardiografico, a meno che non coesistano criteri di ipertrofia “non-di-voltaggio” – suggestivi per ipertrofia ventricolare sinistra patologica - sintomi rilevanti e/o una storia familiare positiva per malattie cardiovascolari omorte improvvisa giovanile.

Blocco di branca destra incompleto

La prevalenza del blocco di branca destra incompleto (durata del QRS <120 msec) nell’ atleta varia tra il 35% ed il 50%, e risulta più elevata che nei giovani controlli sani (10%). Tale quadro ECG si nota più spesso in atleti che praticano sport di resistenza, con una netta predominanza maschile. Piuttosto che un ritardo di conduzione nel sistema His-Purkinje, il blocco di branca sembra causato dall’ingrandimento della cavità e dall’aumento della massa del ventricolodestro con conseguente ritardo di conduzione intramiocardico. Raccomandazione: il blocco di branca destra incompleto non richiede ulteriori indagini in presenza di anamnesi ed esame obiettivo negativi. Poiché il blocco di branca destra incompleto è un tipico segno ECG del difetto del setto interatriale tipo “ostium secundum”, particolare attenzione deve essere rivolta ad escludere sintomi e/o segni obiettivi (sdoppiamento fisso del secondo tono all’auscultazione cardiaca) suggestivi di questa cardiopatia. L’aspetto ECG di blocco di branca destro incompleto è stato raramente registrato in pazienti con cardiomiopatia/displasia aritmogena del ventricolo destro (ARVC/D).Questa cardiomiopatia deve essere sospettata quando al blocco di branca destro incompleto si associa un’inversione delle onde T “sproporzionatamente” estesa oltre V2 e/o la presenza di battiti ventricolari prematuri con morfologia tipo blocco di branca sinistra. In alcuni casi, sorge il problema della diagnosi differenziale tra blocco di branca destra incompleto ed alterazioni della ripolarizzazione ventricolare tipo Brugada. L’alterazione ECG tipica della sindrome di Brugada consiste in una deflessione positiva lenta alla giunzione R-ST (“onda J”) nelle derivazioni V1 e V2, con alterazioni reciproche assenti o minime nelle derivazioni D1 e V5/V6. A differenza dell’onda R’ osservata nel blocco di branca destro incompleto, l’onda J tipica della sindrome di Brugada non indica un ritardo nell’attivazione del ventricolo destro ma piuttosto una ripolarizzazione precoce con sopraslivellamento del punto J e della parte iniziale del tratto ST. Successivamente, il tratto ST diventa discendente ed è seguito da una onda T negativa (tipo 1 o coved type) o positiva (tipo 2 o saddleback). Nel blocco di branca destro incompleto tipico, l’onda R’ registrata in V1 e V2 è associata ad una onda S reciproca in D1 e V5/V6, e non è dimostrabile alcun sopraslivellamento del tratto ST nelle derivazioni precordiali destre. In rari casi, la diagnosi differenziale richiede un test farmacologico con agenti che bloccano i canali del sodio.

Ripolarizzazione precoce

La ripolarizzazione precoce è tradizionalmente considerata un fenomeno elettrocardiografico idiopatico e benigno, con predominanza per il sesso maschile. Il quadro ECG di ripolarizzazione precoce è la regola (50-80% dei casi) piuttosto che l’eccezione nell’ECG basale di atleti allenati. La caratteristica ECG più importante è il sopraslivellamento della giunzione QRS-ST (punto J) di almeno 0,1 mV rispetto alla isoelettrica, spesso associato con un’incisura o uno slargamento della parte terminale del complesso QRS. La ripolarizzazione precoce può variare per sede, morfologia e grado. Più spesso si osserva nelle derivazioni precordiali, con massimo sopraslivellamento del tratto ST nelle derivazioni medio-laterali (V3-V4). Il più marcato sopraslivellamento dell’ST può anche registrarsi più lateralmente (derivazioni V5, V6, DI, aVL), inferiormente (DII, DIII, aVF) o  nteriormente (V2- V3). Il pattern morfologico più comune nella razza caucasica è caratterizzato da sopraslivellamento del tratto ST a concavità superiore che si continua con un’onda T positiva (“alta e appuntita”) in sede precordiale destra. Negli atleti di razza afro-caraibica, invece, si osserva più frequentemente un quadro caratterizzato da sopraslivellamento del tratto ST a convessità superiore, seguito da una onda T negativa in V2-V4. Quest’ultimo pattern, a causa della morfologia “cupoliforme” del tratto ST, può creare problemi di diagnosi differenziale con le alterazioni ECG (tipo “a tenda”) della sindrome di Brugada (vedi anoma - lie dell’ECG tipo Brugada). L’entità del sopraslivellamento del tratto ST è caratteristicamente modulata da influenze neurovegetative, frequenza cardiaca e farmaci; ciò spiega la natura dinamica delle alterazioni ECG e la variabilità del sopraslivellamento del tratto ST nel tempo. Il rallentamento della frequenza cardiaca accentua il sopraslivellamento del tratto ST, mentre la tachicardia sinusale che si instaura nel corso dell’esercizio o in seguito all’infusione di isoproterenolo tende a ridurre o eliminare l’aspetto di ripolarizzazione precoce. Uno studio recente ha dimostrato la più elevata prevalenza del pattern ECG di ripolarizzazione precoce nelle derivazioni inferiore e/o laterali (con  llargamento /rallentamento della porzione terminale del QRS) nei pazienti con storia di fibrillazione ventricolare idiopatica. Lo studio è un’analisi retrospettiva di una popolazione di pazienti altamente selezionati con episodi di sincope/arresto cardiaco da tachicardia ventricolare polimorfa o fibrillazione ventricolare short coupled”. Non vi è evidenza che questo pattern ECG sia un marker di rischio per aritmie ventricolari maligne nella popolazione generale di giovani asintomatici ed atleti.

 Raccomandazione: nella popolazione generale di giovani atleti la ripolarizzazione precoce è un aspetto ECG frequente, fisiologico e benigno che non richiede alcun approfondimento  linico/diagnostico. Negli atleti allenati, le alterazioni del tratto ST nelle derivazioni precordiali destre da ripolarizzazione precoce presentano caratteristiche per lo più distintive rispetto a quelle della CMAVD e della sindrome di Brugada. Raramente si rende necessario un test farmacologico con bloccanti del canale del sodio, uno studio elettrofisiologico o un test di imaging cardiaco per giungere alla diagnosi conclusiva. Negli atleti con storia di sincope o arresto cardiaco, la cui natura rimanga inspiegata dopo un approfondito studio clinico rivolto ad escludere una malattia cardiovascolare o un meccanismo neuromediato, il pattern ECG di ripolarizzazione precoce nelle derivazioni inferiori e/o laterali, specialmente se associato a prominente slargamento della parte finale del QRS, dovrebbe far sorgere il sospetto di una possibile fibrillazioneventricolare idiopatica.

 

MODIFICAZIONI ECG NON COMUNI E NON CORRELATE ALL’ALLENAMENTO (GRUPPO 2)

La maggior parte delle patologie cardiovascolari responsabili di morte improvvisa nei giovani atleti agonisti sono clinicamente silenti e vengono raramente sospettate o diagnosticate sulla base di sintomi spontanei. Gli oltre 25 anni di esperienza italiana con la visita di idoneità sportiva, hanno dimostrato che affiancare l’ECG a 12 derivazioni ad anamnesi ed esame obiettivo consente di aumentare sensibilmente la probabilità di sospettare la presenza di una malattia cardiovascolare a rischio di morte improvvisa in atleti altrimenti asintomatici e quindi di salvarne la vita. Il gruppo delle patologie che possono essere sospettate/identificate all’ECG comprende le cardiomiopatie (come cardiomiopatia ipertrofica, cardiomiopatia/displasia aritmogena del ventricolo destro e cardiomiopatia dilatativa), la stenosi aortica, le malattie dei canali ionici (come sindrome del QT lungo, sindrome di Brugada, sindrome del QT corto e la malattia di Lenègre), e la sindrome di Wolff- Parkinson- White. Queste malattie sono responsabili di due terzi delle morti improvvise nei giovani atleti agonisti. Le anomalie elettrocardiografiche associate con tali patologie includono alterazioni della ripolarizzazione come l’inversione delle onde T e il sottoslivellamento del tratto ST, onde Q patologiche, difetti di conduzione intraventricolari, preeccitazione ventricolare, intervallo QT lungo e corto e alterazioni della ripolarizzazione ventricolare simil-Brugada. A d i fferenza delle caratteristiche ECG tipiche del cuore d’atleta, queste anomalie potenzialmente patologiche sono relativamente poco comuni (<5%) e non correlate all’allenamento. Un approfondimento clinico si rende necessario negli atleti che mostrano queste alterazioni ECG al fine di confermare (o escludere) una sottostante malattia cardiovascolare (per i dettagli consultare il capitolo sulle aritmie ed il capitolo sulla cardiomiopatie).

Criteri non di voltaggio per ipertrofia

La cardiomiopatia ipertrofica può costituire un problema di diagnosi differenziale con gli adattamenti fisiologici del cuore d’atleta. Dato che le alterazioni ECG della cardiomiopatia ipertrofica e delle cardiopatie associate ad ipertrofia ventricolare sinistra si differenziano da quelle legate all’allenamento, l’ECG ha un ottimo potere discriminatorio tra ipertrofia fisiologica e patologica. L’isolato aumento di voltaggio del QRS (secondo i criteri di Sokolow-Lyon o di Cornell per ipertrofia ventricolare sinistra) è molto raro (circa 1,9%) nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica, nei quali l’ipertrofia patologica è caratteristicamente associata a uno o più criteri di ipertrofia ventricolare sinistra non-di-voltaggio, come l’ingrandimento atriale sinistro, la deviazione assiale sinistra, il ritardo della deflessione intrinsecoide, l’alterazione del segmento ST e delle onde T, e le onde Q patologiche.

Raccomandazione: Gli atleti che presentano criteri ECG non-divoltaggio per ipertrofia ventricolare sinistra dovrebbero essere sottoposti ad ecocardiogramma al fine di escludere la presenza di patologie organiche del cuore e l’ipertrofia patologica (come la cardiomiopatia ipertrofica), indipendentemente dal risultato della anamnesi familiare e personale.

Sottoslivellamento del tratto ST

Sebbene il sopraslivellamento del tratto ST da ripolarizzazione precoce è un reperto comune del cuore d’atleta, il sottoslivellamento del tratto ST si osserva raramente all’ECG basale. In letteratura, il sottoslivellamento del tratto ST viene in genere trattato in combinazione all’inversione delle onde T, rendendo difficile stabilirne la prevalenza come alterazione ECG isolata.

 Raccomandazione: la presenza di sottoslivellamento del tratto ST all’ECG di base, sia isolato che associato ad inversione delle onde T, richiede l’esecuzione di ulteriori indagini per escludere la presenza di una malattia cardiaca.

Ingrandimento atriale destro e ipertrofia ventricolare destra

Il riscontro di criteri elettrocardiografici indicativi di ingrandimento atriale destro e/o ipertrofia ventricolare destra è raro negli atleti (ingrandimento atriale destro: 0,08%; deviazione assiale destra (> 110°): 0,6%). La positività dei criteri di voltaggio di Sokolow-Lyon per ipertrofia ventricolare destra (R in V1 + S in V5 > 10,5 mm) è stata documentata solo in uno su 172 (0,6%) calciatori professionisti. Una più elevata prevalenza (12%) è stata osservata in atleti d'élite junior (<16 anni), anche se non vi era differenza con il gruppo di controllo di non-atleti (10%). Raccomandazione: il riscontro di un quadro ECG di ingrandimento atriale destro e/o di un’ipertrofia ventricolare destra non dovrebbe essere interpretato come manifestazione di fisiologico rimodellamento cardiaco indotto dall’esercizio fisico e comporta un approfondimento diagnostico con appropriate tecniche di “imaging cardiaco”, al fine di escludere la presenza di cardiopatie congenite o acquisite associate ad aumento nelle dimensioni dell’atrio e/o del ventricolo destro.

Inversione delle onde T

Studi recenti su ampie popolazioni di atleti < 35 anni hanno confutato l’idea tradizionale che le onde T invertite siano modificazioni comuni e correlate all’allenamento. È stata documentata una prevalenza di inversione delle onde T del 2,7% su atleti d'élite e del 2,3% in una popolazione di 32.652 giovani atleti amatoriali. Inoltre, è stato confermato che la prevalenza dell’inversione delle onde T è simile negli atleti e nei controlli sedentari (rispettivamente 4,4% contro 4,0%). La presenza di inversione delle onde T (≥ 2 mm in almeno 2 derivazioni adiacenti) nell’atleta è un segno non specifico ma di allarme per la possibile presenza di una patologia cardiovascolare a rischio di morte improvvisa durante sport. L’inversione delle onde T nelle derivazioni inferiori (DII, DIII o aVF) e/o in quelle laterali (DI, AVL, V5-V6) deve far sospettare la presenza di cardiopatia ischemica, cardiopatia ipertensiva, cardiomiopatia o valvulopatia aortica. La persistenza dopo la pubertà di onde T invertite nelle derivazioni precordiali destre (oltre V1) può essere espressione di una cardiopatia congenita con sovraccarico di volume e/o di pressione del ventricolo destro, di CMAVD e, raramente, di una patologia ereditaria dei canali del sodio o del potassio. Studi recenti hanno dimostrato che l’aspetto ECG di inversione delle onde T oltre V1 nell’ atleta in età post-puberale è meno comune di quanto precedentemente ritenuto (<1,5%), ma deve essere attentamente valorizzato come segno di possibile CMAVD. L’inversione delle onde T in giovani atleti apparentemente sani può rappresentare l’espressione fenotipica iniziale di una cardiomiopatia, rima ancora che le tecniche di imaging evidenzino alterazioni cardiache strutturali. Pertanto, la negatività dei test di imaging cardiaco in atleti con onde T negative non esclude la presenza di una malattia cardiaca le cui alterazioni strutturali potrebbero manifestarsi a distanza di tempo.

Raccomandazione: l’inversione delle onde T ≥ 2 mm in almeno 2 derivazioni adiacenti è raramente presente all’ECG di atleti sani mentre rappresenta una frequente alterazione nei pazienti affetti da cardiomiopatia. Le onde T invertite possono rappresentare l’unico segno di una patologia ereditaria del muscolo cardiaco anche in assenza di sintomi e prima ancora che alterazioni strutturali siano apprezzabili con le metodiche di imaging. Pertanto, non si dovrebbe arrivare alla conclusione che l’inversione delle onde T sia secondaria all’adattamento del cuore all’esercizio prima di aver escluso mediante uno approfondito studio clinico, comprensivo di screening familiare ed eventuali indagini genetiche molecolari, la presenza di una malattia cardiovascolare ereditaria. A questo proposito, gli atleti con persistenza dopo la pubertà di onde T invertite nelle derivazioni precordiali destre dovrebbero essere sottoposti a studio clinico ed ecocardiografico per escludere una cardiomiopatia sottostante, specialmente una CMAVD. L’osservazione recente che l’inversione delle onde T può costituire la manifestazione clinica isolata e iniziale di una malattia cardiaca strutturale, sottolinea l’importanza di continuare la sorveglianza clinica e di sottoporre a follow-up elettro ed ecocardiografico gli atleti con tali alterazioni della ripolarizzazione, anche dopo una prima valutazione negativa per patologia cardiaca. Il significato di alterazioni minori delle ripolarizzazione, come la presenza di onde T appiattite e/o invertite poco profonde (< 2 mm) in almeno 2 derivazioni adiacenti (specialmente nelle derivazioni inferiori e/o laterali) non è ben definito. Queste alterazioni tendono a scomparire con l’esercizio e, in questo contesto, dovrebbero essere considerate un fenomeno ECG di ipertono vagale. Tuttavia, analogamente alle T invertite più profonde (≥ 2 mm), anche queste anomalie minori sono rare negli atleti (< 0,5%) e, invece, frequenti nei pazienti con cardiomiopatia. Questo suggerisce che anche le onde T invertite poco profonde possono rappresentare un segno di patologia cardiaca e necessitano di ulteriori indagini e di adeguato follow- up prima di poter essere definitivamente interpretate come dovute al rimodellamento neuro-autonomico fisiologico. Per quanto riguarda gli atleti master, l’inversione dell’onda T all’ECG di base deve sempre far sospettare la presenza di una cardiopatia ischemica silente, soprattutto se l’anomalia dell’ECG viene rilevata in atleti con un elevato rischio cardiovascolare (vedi capitoli specifici sulla cardiopatia ischemica e sull’atleta master).

Anomalie dell’ECG simil-Brugada

Il sospetto diagnostico di sindrome di Brugada dev’essere preso in considerazione in presenza di una deflessione positiva lenta alla giunzione R-ST (“onda J”) seguita da un segmento ST discendente sia di tipo coved (con onda T negativa) che saddle-back (con onda T positiva) nelle derivazioni V1-V3, in assenza di altre cause di sopraslivellamento del tratto ST, quali le cardiomiopatie, le miocarditi o l’assunzione di farmaci antidepressivi. L’analisi della morfologia del segmento ST-T in genere consente la diagnosi differenziale con il pattern di ripolarizzazione precoce in sede precordiale destra, tipico del “cuore d’atleta”. Gli atleti mostrano un tratto ST “ascendente” con rapporto STJ/ST80 ≤1, mentre i pazienti con sindrome di Brugada un tratto ST “discendente” con rapporto STJ/ST80 >1. In casi selezionati si rende necessaria l’esecuzione di un test farmacologico con agenti bloccanti dei canali del sodio per la diagnosi definitiva. L’atleta con diagnosi di sindrome di Brugada dovrebbe essere esaminato da un cardiologo-elettrofisiologo per la stratificazione del rischio e lo screening clinico e genetico dei familiari. Per i dettagli sulla sindrome diBrugada vedere il capitolo sulle aritmie.

Indice dei Protocolli cardiologici per il giudizio di idoneità allo sport agonistico COCIS 2009

Comitato COCIS 4° edizione "Del ventennale " Prefazione

Classificazione degli sport in relazione all’impegno cardiovascolare

Lo screening cardiologico dell’atleta

Aritmie cardiache e condizioni cliniche potenzialmente aritmogene

Cardiopatie congenite e valvolari acquisite

Cardiomiopatie, miocarditi e pericarditi

Ipertensione arteriosa sistemica

Cardiopatia ischemica

L’idoneità cardiologica in presenza di problematiche specifiche:   L’atleta master

L’idoneità cardiologica in presenza di problematiche specifiche: L’atleta paralimpico

L’idoneità cardiologica in presenza di problematiche specifiche: L’atleta diabetico

Gli ambienti straordinari

Valore e limite dei test genetici in Cardiologia dello sport cocis genetica.htm

Aspetti medico-legali ed organizzativi

Effetti cardiovascolari dei farmaci di interesse medico sportivo

HOME

ABOUT US

SITE MAP

CONTACT US

MEDICINA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ASINARA FOTOGRAFIA SAN GAVINO

www.ambrosiafitness.it

Il contenuto delle pagine di questo sito , testi e fotografie , è di proprietà esclusiva dell'associazione Ambrosia , sede legale via Petronia  n 43 Portotorres   ( SS )  tel. e fax 079513053  :é pertanto coperto dal copyright e  non  può essere  riprodotto in toto o in parte senza un'autorizzazione scritta. .